ON AIR


Halloween: dolci mostri e figure paurose

Halloween: dolci mostri e figure paurose

Quante volte, soprattutto da bambini, abbiamo aspettato il giorno di Halloween con trepidazione? L’idea di mascherarci come mostri e figure paurose ci faceva vivere un senso di trasgressione almeno per una notte.
Ma chi di voi conosce la vera storia di Halloween?

Le origini di Halloween

Il nome Halloween deriva dalla forma contratta di All Hallows’ Eve e sta ad indicare la vigilia di tutti i Santi.

La storia racconta che siano stati i Celti ad inventare questa festa.
In quanto popolo di pastori, finita l’estate, riportavano a valle le loro greggi e attendevano l’inizio dell’inverno che per loro iniziava proprio il 1° novembre.
Quella data significava per i Celti la fine della stagione calda e l’inizio di quella fredda, fatta di tenebre e oscurità.
La vigilia di Ognissanti, quindi, era tradizione rinchiudersi nelle case e raccontarsi storie spaventose.

La morte era il tema principale della festa poiché richiamava ciò che stava accadendo anche nella natura circostante, dovuto al passaggio delle due stagioni: tutto sembra morto d’inverno anche se in realtà la vita si rinnova sottoterra e proprio sottoterra è l’habitat dei morti.
Il 31 ottobre, per i Celti, era la vigilia di un nuovo anno, in cui vivi e morti potevano riunirsi.

Ma come mai allora noi crediamo che Halloween sia un’invenzione americana?
Ve lo svelo subito.

Halloween in America

Verso la metà del XIX secolo, in Irlanda ci fu una terribile carestia che costrinse molte persone ad abbandonare la propria terra ed emigrare negli Stati Uniti.

Lì crearono la loro comunità ed ogni 31 ottobre festeggiavano Halloween.
Questa tradizione si diffuse in tutta l’America ben presto, contagiando poi anche il mondo europeo.

Oggi, in realtà, ha perso il suo significato primario ed è diventata più che altro una festa commerciale, soprattutto per far divertire i bambini.

La ricetta di oggi

E a proposito di bambini, oggi vediamo come creare, anche insieme a loro, dei biscotti a tema Halloween.

In verità c’è poco da dire in quanto il soggetto lo potete decidere voi e più avrete fantasia più vi divertirete a realizzare questi mostriciattoli commestibili.
Io, ad esempio, ho disegnato un teschio e una zucca.
Ciò che vi occorre è semplicemente una pasta frolla e un coltellino/stuzzicadenti (o qualcosa di affilato) per incidere il disegno prima di cuocere la frolla.

Qui trovate la ricetta della pasta frolla.
Una volta preparata, avvolgetela in una pellicola e lasciatela riposare in frigo per almeno mezz’ora.
Dopodiché tiratela fuori e stendetela con l’aiuto di un mattarello. Infine dividete, se volete, in quadrati, cerchi o forme varie e disegnatevi sopra il soggetto scelto.
Infornate la frolla a 160 – 170°C con forno statico per circa 20 minuti ma il tempo dipende dal vostro forno. In ogni caso potrete aprire il forno e controllare se il biscotto è cotto o meno passandoci un dito sopra.
Dopo averli sfornati, potrete colorare i vostri biscotti di Halloween con dei colori in gel oppure con della ghiaccia reale o ancora decorarli con la pasta di zucchero oppure lasciarli così come sono. A voi la scelta 😉

Se volete un’altra idea, qui trovate la ricetta della ciambella alla zucca a tema Halloween che ho preparato l’anno scorso.

Luisa Giacomarra

Luisa Giacomarra

Appassionata di viaggi, natura, cinema e pasticceria. Sognatrice ad occhi aperti, le piace sperimentare nuove ricette, unendo creatività e passione, dando un tocco personale a ciò che realizza. Ottimismo, divertimento, condivisione e socievolezza sono le sue parole chiave.

Articoli Correlati

Commenti