WiP Radio

Il dolce far niente, i confini tra pigrizia e depressione

Il dolce far niente, i confini tra pigrizia e depressione

Il dolce far niente, i confini tra pigrizia e depressione

“La pigrizia è un lusso che possono (e riescono) a concedersi in pochi. Infatti è necessaria per la sopravvivenza.
Anche se sin da piccoli ci insegnano che dobbiamo essere attivi, raggiungere e creare perennemente nuovi obiettivi.
In questo scenario, la pigrizia rappresenta un peccato capitale e il desiderio di non fare nulla viene soventemente arricchito da sensi di colpa, vergogna e sentimenti di ansia. Piccoli attimi di pigrizia sono frequenti e comunemente sani. Il pigro si spegne, ma perlopiù sa come riaccendersi se vuole farlo.
Ma quando la pigrizia è un vissuto totalizzante e rappresenta sempre la prima risposta ai desideri e alle richieste esterne, è opportuno riconoscerla come un sintomo che spesso fa da specchio ad un malessere più profondo. Non a caso, rientra fra i sintomi più comuni dei vissuti depressivi…”

Conduce Sara Lolli, buon ascolto!

 

Per ascoltare le altre puntate di “DinamicaMente” cliccate qui.

Autore del Post

Sara Lolli

Lolli Sara è nata in un paesino salentino. È una psicologa e frequenta la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica a Chieti. Le piace tutto ciò che è bello e buono, ha una mente aperta e dinamica, le piacciono i sorrisi delle persone e gli occhi di chi ha bisogno di sorridere, le piace la musica che fa “viaggiare” e scoprire sempre posti nuovi, le piace mescolarsi tra la gente e aiutare chi scommette sull’umanità… Questa esperienza a WiP Radio è nata nel 2014 come una scommessa con se stessa e con alcuni dei suoi limiti. “Dinamicamente” è il nome del suo programma, nel quale vengono affrontati temi riguardanti la “psicologia del quotidiano” per menti dinamiche e in movimento.

Commenti