WiP Radio

Adry De Martino – A matita libera

Adry De Martino – A matita libera

Adry De Martino – A matita libera

Ciao a tutti e ben ritrovati! Vorrei introdurre l’articolo di oggi facendovi fare un bel tuffo nel passato! In particolare alla passione che ogni bambino ha verso i colori. Penso che ognuno di noi si sia cimentato nella pittura creativa da piccolo, quindi, se ci pensate bene, riuscirete a ricordare l’entusiasmo della creazione e la sensazione liberatoria che riusciva a regalare un semplice momento quotidiano, immerso fra i colori.
L’articolo di oggi, dunque, é perfetto per chi ama vedere il mondo con occhi sempre nuovi, innocenti e sognatori. É dedicato a quelle persone che amano ancora coccolare il loro bambino interiore e che vedono nero soltanto quando é buio. Ricordate le illustrazioni dei libri di fiabe? Se come me, anche voi portate ancora nel cuore quei disegni così semplici ed espressivi, allora anche voi vi innamorerete dell’artista di oggi.
La ragazza che vi presenterò oggi ha deciso di non rinunciare alla gioia che le davano quei colori; con pazienza, dedizione e, perché no, anche un po’ con lo zampino del destino é riuscita a fare di quella che era solo una passione sfogata nel tempo libero il lavoro della sua vita.

 

VE LA PRESENTO!

Lei si chiama Adry De Martino ed é un’illustratrice e tatuatrice pugliese. Forse può sembrarvi un mestiere insolito da inserire in un blog sull’artigianato, ma solo ad osservare i suoi disegni si capisce che lei é fatta di una pasta molto diversa rispetto ai suoi colleghi tatuatori. I suoi disegni, infatti, godono di una potente personalità, si riconoscono fra mille e non sono mai banali. La sua matitia é la sua più preziosa alleata e vola libera colorando i fogli bianchi, guidata da un ispirazione che nasce spontanea in lei. La sua vena creativa prende spunto da più elementi, rimane colpita sia da altri artisti così come dall’arte classica stessa. Spesso si ritrova a interpretare le canzoni che più le piacciono, altre volte interpreta invece le persone che si affidano a lei per farsi ritrarre. Si, perché il suo lavoro é davvero ricco di sfaccettature! E io oggi ve le racconto tutte.

GLI ESORDI

Adry é nata nella bellissima Puglia, si é trasferita a Milano per studiare moda e per diversi anni ha lavorato come designer di borse. Era il lavoro per il quale aveva studiato, eppure non la appagava come si sarebbe immaginata. In un periodo di disoccupazione, fra un curriculum e l’altro si dedicava ai suoi disegni per rilassarsi e iniziò a pubblicarli sui social per puro divertimento. Non si aspettava davvero che tante persone potessero innamorarsi dei suoi disegni e che si sarebbe creato un giro intorno a loro. É così che iniziò a rivalutare la situazione e a vederla sotto un altro punto di vista.
é così che, da quando iniziarono ad arrivare le prime idee e le commissioni, Adry decise di impiegare le piattaforme social non solo a scopo personale, ma anche per pubblicizzare il suo lavoro.

I suoi disegni, ricchi di particolari nonostante l’apparente semplicità, sono carichi di significato e nascondono tutta la personalità della sua creatrice; il suo amore per la vita, la sua personalità allegra, così come le sue insicurezze e le sue sofferenze. é anche grazie a queste sue fragilità, affrontate a testa alta, che oggi è un’artista a 360 gradi. Ha imparato ad amare il suo aspetto fisico, che inizialmente non accettava e ha riversato questa nuova forza nei suoi disegni.

Amore e coraggio

Le sue figure sono come lei, dalle forme morbide e i piedini piccoli, colori vivaci ed espressioni dolci. Il suo amore per le bellezze non stereotipate si trasforma in un messagio che rivolge a tutti i suoi seguaci: l’importanza di amarsi per ciò che si è. Ognuno di noi possiede la sua forma di bellezza e dovremmo tutti imparare a valorizzarla, piuttosto che cercare di uniformarla agli stereotipi di massa.

Molti dei suoi disegni sono affiancati da messaggi forti, che conferiscono loro un valore aggiunto e che vogliono essere d’ispirazione per affrontare quelle insicurezze che molti di noi hanno. Uno dei suoi primi lavori, “Curvy”, che personalmente ho amato molto, ritrae un paio di gambe femminili velate da sexy lingerie, belle formose e tatuate.

“Le curve sono solo per chi non ha paura”.

 

Un’altra delle sue illustrazioni che preferisco, realizzata più di recente, è in  bianco e nero e raffigura uno specchio che racchiude in se la scritta “Non stare dove non fiorisci”. In un’altra immagine i corpi nudi di tre donne dalla pelle di diverso colore portano fieramente sopra di loro la scritta Mi scelgo ogni giorno”.

 

 

 

Questi sono solo pochi esempi fra i tanti disegni realizzati da Adry che portano un forte messaggio d’amore nel mondo. Amarsi, rispettarsi, accettarsi. Migliorarsi per cambiare ciò che non ci piace di noi, ma senza stravolgere ciò che siamo. Ogni suo personaggio è ambasciatore di un messaggio importante di questo tipo, di una poesia o di una canzone che diffonde amore in tutte le sue forme. E in particolare sono proprio le forme femminili che Adry ha molto a cuore, motivo per cui ogni sua figura porta orgogliosamente quei chili di troppo, spesso non molto apprezzati da chi li ha addosso.

 

Progetti, lavori e una piccola “minime”

Passati i primi tempi, con il lavoro che si affermava via via sempre di più, i disegni di Adry iniziarono a sentirsi un po’ stretti sui fogli di carta. Alcuni di loro, principalmente a tema marino, furono protagonisti di una serie limitata di magliette, borse in tela e tazze su cui venivano stampati a colori o in bianco e nero. Ma essendo sempre in cerca di nuovi stimoli, Adry non si limita a realizzare unicamente disegni frutto della sua fantasia; una parte importante del suo lavoro, infatti, è costituita dai ritratti che realizza su commissione. con il suo stile, unico nel suo genere, interpreta i volti e la personalità delle persone che scelgono di portarsi a casa un po’ della sua creatività.

 

 

 

Ha partecipato anche a una collaborazione con la galleria Alessia Formaggio, che in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci si è affidata a lei per rendergli omaggio, chiedendole una sua interpretazione delle donne piu importanti dell’artista, che sarebbero state vendute in edizione limitata solo presso la galleria, con la possibilità di averle anche su t-shirt.

Dal momento che i suoi disegni hanno fatto breccia fin da subito nel cuore di molti, adry ha deciso di affiancare un’alleata alla sua matita, compagna di mille avventure: la macchinetta per i tatuaggi. La richiesta era già stata fatta diverse volte da alcuni dei suoi clienti e, d’altro canto, i suoi disegni sono così particolari che non era difficile da immaginare. Ed è così che nasce un nuovo ramo ancora, dedicato ai piu audaci fra i suoi clienti: Tatuaggini Coraggiosi, il piu recente fra i suoi sviluppi, già ben avviato e di successo.

Che poi, parlando di successo, a lei viene anche un po’ da sorridere! Nonostante le sia capitato piu di una volta di essere riconosciuta in giro per Milano e di ricevere una marea di complimenti, a lei sembra tutto davvero strano! La trattano da persona famosa, mentre lei si sente perfettamente normale. “Ho solo qualche follower in più!” mi ha detto con voce allegra!

Un altro suo progetto attualmente in corso, con cui tiene aggiornati i suoi follower è #diariodibordoillustrato, un’idea nata per caso quest’estate in vista di un viaggio in Sicilia, dove per l’occasione ha creato una sorta di “minime” che la accompagnasse in quel viaggio. Naturalmente poi la piccola Moleskin ci ha preso gusto e l’ha fedelmente seguita anche in Messico!

Il mondo di Adry, in tutte le sue meravigliose forme, potete scoprirlo ancora meglio seguendola direttamente sulle sue pagine social, a partire da instagram, che ama molto, dove la trovate come adry_de_martino, o su facebook al suo profilo personale Adry De Martino. Per info e preventivi potete contattarla all’indirizzo mail adrydemartinowork@gmail.com.

Autore del Post

Gaia De Francesco

È creatività, curiosità e voglia di avventura. È ogni giorno una nuova scoperta e un nuovo modo di vedere il mondo. Non nasce in un periodo specifico e, soprattutto, più si conosce e meno si capisce.

Commenti