ON AIR


Maradona, un anno fa la sua morte

Maradona, un anno fa la sua morte

Un anno fa la morte di Maradona: il ricordo del Pibe de Oro

Scritto da Michael Di Chiaro per www.goal.com

Un anno fa, alle 17.30 italiane

Un anno fa, attorno alle ore 17.30 italiane, il mondo del calcio veniva scosso dall’annuncio della morte di Diego Armando Maradona.

“Se muriò el futbol”. E’ morto il calcio. Scriveva, in quei frenetici minuti, ‘El Clarin’, il primo organo di stampa a diffondere la notizia della scomparsa del Pibe de Oro, venuto a mancare a sessant’anni – compiuti quasi un mese prima – a causa di un arresto cardiorespiratorio occorsogli mentre si trovava nella sua abitazione a Tigre, a nord di Buenos Aires.

La notizia che sconvolge un apparentemente ordinario mercoledì di fine novembre si diffonde in tempo zero in ogni angolo del globo. E’ una notizia inaspettata, devastante e che lascia attoniti. Il mondo si ferma. Quello del calcio e non solo.

Le reazioni in Argentina ed in Europa

L’Argentina, o meglio la sua Argentina, proclama tre giorni di lutto nazionale. In patria Maradona ha vestito le maglie di tre club che hanno scritto la storia del pallone albiceleste: l’Argentinos Juniors, il Boca e il Newell’s Old Boys prima di sbarcare in Europa, ma soprattutto è stato capace di trionfare con la Nazionale argentina trascinandola alla conquista della Coppa del Mondo nella campagna trionfale di Messico 1986, quella griffata dai suoi due goal nella semifinale contro l’Inghilterra. Probabilmente i più iconici della sua carriera: ‘La mano de Dios’ e la serpentina ribattezzata con l’etichetta del ‘Goal del Secolo’, con pallone in rete dopo aver saltato quasi tutti i giocatori inglesi toccando la sfera con il mancino.

Nel Vecchio Continente, invece, il fuoriclasse nativo di Lanus ha indossato tra le altre le casacche quella del Barcellona e del Siviglia, rispettivamente presa di contatto e ultimo capitolo della sua avventura nel nostro continente. Nel mezzo, i sette anni più intensi ed importanti con il Napoli, intrisi di gioie e dolori, trionfi e cadute, ma scandite da una passione viscerale e dal rapporto simbiotico con un popolo che ha impiegato davvero poco per farne il suo Re.

Per Napoli, la morte di Maradona equivale alla scomparsa di una parte di sé. La città piange il calciatore e l’uomo che con la sua genialità ha incantato il popolo partenopeo dal 1984 al 1991.

Diverse centinaia di tifosi, poco dopo l’annuncio, si radunano nei pressi dello stadio San Paolo e ai piedi del murales a lui dedicato per rendere omaggio a Diego. Fiori, candele, vessilli azzurri e dediche a condire un quadro suggestivo fatto di cori, commozione e tanti applausi racchiusi in un unico grande tributo all’esterno dell’impianto di Fuorigrotta e per le strade del capoluogo campano.

L’intitolazione dello Stadio

Proprio lì dove i sostenitori napoletani vedranno presto esaudito il loro più grande desiderio: intitolare lo Stadio alla memoria di chi, su quel rettangolo verde, ha stravolto e riscritto la loro storia calcistica e non solo. Il Comune avvia prontamente l’iter già nelle ore successive e otto giorni dopo, il 4 dicembre del 2020, il San Paolo diventa a tutti gli l’effetti lo Stadio Diego Armando Maradona.

Pochi giorni prima, il 29 novembre, era stato lo stesso Napoli a onorare Diego nel migliore dei modi, vincendo 4-0 in casa contro la Roma indossando una maglia speciale a tinte biancazzurre di argentiniana memoria come tributo nei confronti del ’10’.

Le dediche dei grandi del calcio

La morte di Maradona ha toccato tutti, inutile girarci intorno. Non sono mancate le toccanti dediche da parte dei grandi del pallone, da quelli del passato a coloro che illuminano il presente.

Dall’eterno rivale Pelé: “Un giorno noi daremo calci a una palla assieme in cielo”, agli avversari di grandi battaglie comePlatini: “È il nostro passato che se ne va”, a Baresi: “Affrontarlo in campo è stato un onore, in campo era un fenomeno, leale, prendeva le botte e non si lamentava, un leader vero”.

“Ci lascia ma non se ne va perché Diego è eterno”, gli fa eco Messi, spesso e volentieri indicato come il suo grande erede.

Eterno, appunto. Perché uno così non si può dimenticare. Ad un anno dalla sua morte il suo ricordo è ancora fortemente vivo nel cuore di chi ama e sogna con questo gioco che, nell’immagine del fuoriclasse argentino, ha probabilmente raggiunto la sua massima sublimazione.

La ‘Maradona Game’ e le statue

Lo scorso 7 novembre, la società Napoli ha comunicato l’intenzione di onorare Maradona ad un anno dalla scomparsa dedicandogli la ‘Maradona Game’:

“Una maglia speciale appositamente creata in tre varianti di colore. La grafica con il volto stilizzato di Maradona sovrapposto al segno di un’impronta digitale rappresenta anche il desiderio della società di trasmettere alle giovani generazioni il lascito della leggenda argentina alla città partenopea”. 

La speciale edizione della divisa da gioco è stata concepita in tre colorazioni diverse, due delle quali sono state utilizzata nei recenti impegni contro Verona e Inter, mentre per ammirare la terza basterà attendere il prossimo match con la Lazio.

E non finisce qui. In occasione del primo anniversario della sua morte verranno posizionate tre statue in bronzo: una sarà piazzata all’interno dello stadio, una seconda all’esterno, mentre la terza è già esposta al Museo Archeologico Nazionale.

Da Villa Fiorito all’immortalità calcistica. Semplicemente, eterno.

 

Per leggere le altre notizie clicca qui.

(Credit foto in evidenza: indiscreto.info)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicolò Bagnoli

Nicolò Bagnoli

Nasce nel 1986, nel 2010 ha l'idea di WiP Radio di cui è il direttore, è quasi alto come Berlusconi, davanti ad un microfono può starci ore. Parlando, ovviamente.

Articoli Correlati

Commenti