ON AIR


Recensione “Alanis, dalle lunghe chiome”, Sir J

Recensione “Alanis, dalle lunghe chiome”, Sir J

alanis dalle lunghe chiomeALANIS, DALLE LUNGHE CHIOME

di Sir J

Editore: Placebook Publishing

Pagine: 30

 

 

TRAMA. Alanis Morissette, una delle figure più rappresentative degli anni ‘90 dal punto di vista socio/musicale, oltre che autentico sex symbol, viene descritta nel primo libro della collana Music Portrait – Ritratti di artisti musicali.
La sensibilità e l’umanità dell’artista, raccontate attraverso un’aggiornata biografia/discografia, contornata da aneddoti davvero originali, ma soprattutto attraverso un inquietante racconto verosimilmente accaduto durante la sua tormentata vita privata.

 

RECENSIONE.

Ma oltre alla passione musicale per il palcoscenico, Alanis Morissette aveva anche un’altra caratteristica unica, l’irrequietezza.

Alanis, dalle lunghe chiome” è il primo volume delle collana Music Portrait, che ha come obiettivo quello di creare dei ritratti (a parole) di artisti musicali, nato dalla collaborazione con Fabio Pedrazzi, co-fondatore di Placebook Publishing & Writer Agency.
L’autore, Sergio Calcagnile, speaker radiofonico della radio RVM Radiovideomusic, scrive un racconto che ha come protagonista la famosissima Alanis Morissette, musicista dalla fama mondiale, con un talento incredibile.

Le sue canzoni, i suoi brani contengono una caratteristica molto semplice: sono dirette e senza censure in tema di politica, sesso o qualsiasi altro tema sociale.

L’autore, prima di farci leggere il racconto, ci espone la vita dell’artista, avendo come obiettivo quello di immergerci, di “metterci nei panni” della protagonista. La scrittura di Sir J è semplice, ma interessante: nel raccontare la storia di Alanis Morissette si percepisce una “intimità”, sembra che l’autore sia stato presente nella vita della cantautrice, che abbia assistito agli episodi che lui racconta; da questo aspetto si evince quanto studio, lavoro (ma soprattutto passione) c’è dietro la creazione questo libricino.

La fama ha spesso l’effetto di disconnettere le persone e portarle all’implosione. Pensi che potrai entrare in contatto con tutti, invece il successo ti allontana da tutto e tu rimani a fare lo spettatore. Anch’io ho avuto qualche tendenza suicida. Mmh, forse ho utilizzato una parola troppo forte, ma avevo la tendenza a voler essere altrove.

Non voglio svelarvi niente di questo piccolo volume, perché non voglio togliervi la possibilità di passare due orette (perché si legge bene e velocemente) in compagnia di una Stella della musica. E poi, le illustazioni di Fabio Pedrazzi sono meravigliose!

 

Buona lettura a tutti,
Rachele.

 

PS. Ringrazio Sergio Calcagnile per la sua disponibilità e gentilezza nell’inviarmi il suo “Alanis, dalle lunghe chiome”. Grazie.

 

 

CONTATTI:   

Per richiedere informazioni su recensioni o segnalazioni, contattami qui: apiedipaginawip@gmail.com

 

Rachele Bini

Rachele Bini

Rachele, 28 anni, Una, Nessuna, centomila. Studentessa lavoratrice con l’hobby di leggere, dalle scritte sui muri ai grandi classici della letteratura.

Articoli Correlati

Commenti