ON AIR


Google celebra le Feste Natalizie con un Doodle

Google celebra le Feste Natalizie con un Doodle

Per celebrare l’inizio di Dicembre Google ha dedicato un Doodle speciale ed interattivo alle “December global holidays”, cioè le Festività di dicembre nel mondo. Questo Doodle però non vuole solamente celebrare la prossimità del periodo ma ricordare tutte le feste che segnano la chiusura dell’anno solare.

Possiamo vedere, in questo Doodle, un uccellino giallo che sistema le colorate luminarie sulla scritta “Google” con il filo delle luci natalizie nel becco, partendo dalla “e” finale per poi fermarsi sulla “G” iniziale. Questa modalità è stata scelta per rendere omaggio oltre che al Natale, al giorno di Santo Stefano od al Capodanno, anche a tante ricorrenze che si celebrano nel mondo, come per esempio la Chanukkah, una Festività ebraica conosciuta anche con il nome di Festa delle luci o Festa dei lumi e che per il mondo ebraico coincide proprio con le Festività natalizie (la Festività dura 8 giorni e la prima sera, chiamata “Erev Chanukkah”, inizia al tramonto del 24 del mese di dicembre) C’è poi la “Yalda”, Festa iraniana che il 21 dicembre celebra “la notte più lunga dell’anno”, o ancora quella della Cina, dove i piccoli addobbano l’albero in attesa dell’arrivo di “Shengdan Laoren”, ovvero il locale Babbo Natale.

In Italia sono ben cinque i giorni festivi: la Festa dell’Immacolata Concezione l’8 dicembre; il 24 la Vigilia e il 25 Natale; il 26 Santo Stefano ed il 31 San Silvestro, vigilia di Capodanno. In Germania si festeggia San Nicola, il 6 dicembre, in Islanda ci sono ben tredici Babbo Natale, che arrivano nell’arco di 26 giorni (e la festa finisce solo quando se ne va l’ultimo, il giorno dell’Epifania, il 6 gennaio). Poi, per esempio, in Danimarca i bambini si travestono da folletti durante l’Avvento ed in Finlandia esiste anche Mamma Natale.

 

Per leggere le altre notizie clicca qui.

Nicolò Bagnoli

Nicolò Bagnoli

Nasce nel 1986, nel 2010 ha l'idea di WiP Radio di cui è il direttore, è quasi alto come Berlusconi, davanti ad un microfono può starci ore. Parlando, ovviamente.

Articoli Correlati

Commenti