ON AIR


Bright Night 2020: la ricerca nel palmo di una mano

Bright Night 2020: la ricerca nel palmo di una mano

Bright Night 2020: la ricerca nel palmo di una mano

Torna Bright Night, la Notte Europea delle Ricercatrici e dei Ricercatori, quest’anno in edizione completamente digitale. Mancherà certo il contatto diretto con i luoghi e con le persone attraverso cui vive e si alimenta la scienza, ma la fruizione degli eventi sarà letteralmente a portata di mano.

I dispositivi digitali che sempre più monopolizzano il nostro rapporto col mondo si faranno una volta in più testimoni e veicolo delle potenzialità della ricerca. Sarà una due giorni densa di appuntamenti, in cui ogni polo della conoscenza è chiamato a offrire il proprio contributo.

Università di Pisa

Qui un elenco degli eventi organizzati dall’ateneo pisano, che prevede non solo seminari ma anche laboratori aperti (da visitare in 3D) e altre attività.

Tra le tante iniziative, segnalo che stasera, venerdì 27 novembre, alle 20.30 sulla piattaforma MyMovies si terrà una speciale proiezione del film Marie Curie di Marie Noelle. Il film sarà preceduto da un incontro live, cui prenderanno parte la Prof.ssa Maria Rita Gismondo, direttrice di Microbiologia clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze presso l’Ospedale Sacco di Milano, e la Dott.ssa Gabriella Greison, fisica, scrittrice, drammaturga e attrice teatrale. Ci sarà anche un intervento della Dott.ssa Ilaria Capua, direttrice del One Health Center of Excellence dell’Università della Florida. Per partecipare basta registrarsi gratuitamente all’evento.

Università di Firenze

Qui un elenco completo degli eventi organizzati dall’ateneo fiorentino.

Segnalo che domani, sabato 28, alle ore 11, avranno luogo le premiazioni del concorso La ricerca in tre minuti, bandito dall’Ateneo fiorentino e dedicato a innovatività e impatto sociale dei progetti degli assegnisti e dottorandi Unifi. In giuria gli studenti delle scuole medie superiori.

Online sarà possibile seguire i video su temi che vanno dalla paleontologia all’antropologia, a cura del Sistema Museale di Ateneo (vai al canale Youtube). E poi esperimenti, dimostrazioni e laboratori ideati dai ricercatori fiorentini (Eureka: un training per prevenire il gioco d’azzardo e I colori) e da Open Lab, la struttura per la diffusione della cultura scientifica Unifi. Qui i video esperimenti e microseminari di Chimica, Biologia, Biotecnologia, Fisica e Matematica.

Durante la manifestazione saranno inoltre disponibili podcast e giochi scientifici. Grazie inoltre alla piattaforma digitale del Cinema La Compagnia di Firenze, il 27 e il 28 sarà possibile vedere gratuitamente on demand i pluripremiati documentari sulla sostenibilità Antropocene e Un mondo in pericolo.

 

Per (ri)leggere tutti gli articoli di “Non è buio ancora”, clicca qui.

Simone Gasparoni

Simone Gasparoni

Classe 1995, studio Filosofia all'Università di Pisa. Allievo ortodosso di Socrate, ho sempre pensato che le parole siano roba troppo seria per abusarne (lo so, lo so, detta così sembra una scusa degna del miglior cerchiobottismo, per dirla in gergo giornalistico). Romantico per vocazione, misantropo per induzione. Attualmente, in via di riconciliazione con il genere umano attraverso la musica, l'arte, la cultura. Per ora, sembrano buone vie. Oltre che all'Unipi, potete trovarmi in giro in qualche locale o teatro a strimpellare la tastiera. O, con più probabilità, a casa mia. P.S. Ecco, l'ho già fatta troppo lunga...

Articoli Correlati

Commenti