WiP Radio

La Forza delle Idee è donna. Nada, Marta Cartabia e Lucia Annunziata protagoniste del festival di Paolo Mieli

La Forza delle Idee è donna. Nada, Marta Cartabia e Lucia Annunziata protagoniste del festival di Paolo Mieli

La Forza delle Idee è donna. Nada, Marta Cartabia (vincitrice Premio Speciale Spadolini) e Lucia Annunziata protagoniste del festival di Paolo Mieli

Forza delle IdeeLa forza delle idee, gli incontri di Paolo Mieli (28-30 agosto 2020), organizzati dal Comune di Rosignano Marittimo al Castello Pasquini di Castiglioncello, quest’anno sarà dedicato soprattutto alla forza delle donne. Donne speciali che grazie alla loro caparbietà e alla loro competenza sono riuscite ad emergere e a dimostrare il loro valore.

Saranno infatti tre le protagoniste che il direttore intervisterà per una nuova versione del festival, che emigra dalla Limonaia al grande palco, situato nell’ex-area della tensostruttura nel parco del castello Pasquini, da venerdì 28 a domenica 30 agosto alle 21, in versione serale. Tre appuntamenti con donne che racconteranno tre storie diverse di successi e di eccellenza nei loro settori. Una interprete, artista e scrittrice: Nada; una giudice, prima presidente della Corte Costituzionale: Marta Cartabia, e una giornalista e conduttrice: Lucia Annunziata.

“Voglio pubblicamente ringraziare Paolo Mieli – dichiara Licia Montagnani assessora alla cultura e vicesindaca del Comune di Rosignano Marittimo – per aver esaudito il mio desiderio di avere un’edizione tutta al femminile. Onoriamo tre donne importanti, dai diversi percorsi che rappresentano il simbolo del fatto che quando le donne vogliono, possono raggiungere grandi risultati.”

Nada Malanima

Venerdì 28 agosto alle 21 Paolo Mieli intervista Nada. Nada Malanima, aveva 16 anni quando debuttò al Festival di Sanremo del 1969. Cantava Ma che freddo fa, un successo ancora indimenticato, come Il cuore è uno zingaro, col quale vinse il Sanremo del 1971. Da allora, di album ne ha firmati oltre una trentina, ha scritto quattro romanzi, ha recitato in teatro e lavorato anche con Dario Fo. Recentemente è tornata prepotentemente in classifica per merito di Paolo Sorrentino e dell’omaggio che le ha dedicato nel suo The Young Pope.

Marta Cartabia

Sabato 29 agosto l’appuntamento serale sarà invece con Marta Cartabia giudice e prima Presidente donna della Corte Costituzionale. A Marta Cartabia, prima dell’intervista di Paolo Mieli, sarà consegnato da Cosimo Ceccuti, presidente della Fondazione Spadolini Nuova Antologia e Daniele Donati, sindaco di Rosignano Marittimo, il Premio Speciale cultura politica Giovanni Spadolini. “L’Italia in Europa è il titolo di uno dei libri di Marta Cartabia, ma è anche la sintesi del suo percorso culturale basato sul confronto e sulla integrazione tra i diversi ordinamenti: dalla laurea alla Statale di Milano, relatore Valerio Onida, con la tesi “Esiste un diritto costituzionale europeo?”, al dottorato in quel laboratorio di identità continentale che è l’Istituto universitario europeo alla Badia fiesolana, e poi i soggiorni negli Stati Uniti e la collaborazione con i maggiori centri di ricerca stranieri” – si legge nella motivazione del Premio.

L’Italia, l’Europa, il modo nello spirito caro a Spadolini di coniugare cultura, ragione e tolleranza. All’impegno accademico si è aggiunta per Marta Cartabia la nomina – da parte del Presidente della Repubblica – a giudice della Corte Costituzionale. Dove, dopo 5 anni di vicepresidenza, è stata eletta l’11 dicembre del 2019 presidente. Prima donna a guidare la Consulta. Il suo esempio dimostra che è possibile sfondare il “soffitto di cristallo” che spesso blocca le donne competenti sulla soglia della stanza del potere, ma è anche la testimonianza che con intelligenza, impegno, passione e competenza si può incidere sulla realtà che ci circonda. Sono i valori di “quella certa idea dell’Italia” cara a Spadolini e la motivazione più profonda per questo riconoscimento.

Lucia Annunziata

La forza delle idee si chiude domenica 30 agosto con Lucia Annunziata, giornalista e scrittrice. Laureata in Filosofia, Lucia Annunziata è giornalista professionista dal 1976. È stata corrispondente dagli Stati Uniti per il Manifesto, per la Repubblica e per il Corriere. Nel 1995 è tornata in Italia e ha lavorato per il programma Linea tre su Rai3. Dal 1996 al 1998 è diventata direttore del Tg3. Nel 2000 ha diretto l’agenzia di stampa ApBiscom, nata dalla Associated Press ed Ebiscom. Nel 2003 è stata nominata Presidente della RAI, incarico che ha mantenuto fino al 2004, data delle sue dimissioni. Dal 2004 è editorialista de La Stampa. Dal 2005 conduce su Rai3 la trasmissione “In mezz’ora”. È anche direttore responsabile di Aspenia, la rivista di Aspen Institute Italia, dove è membro dell’esecutivo. Lucia Annunziata ha scritto anche alcuni saggi e ha ricevuto vari premi giornalistici, tra cui il Premiolino e il Saint Vincent.

Info

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili. È consigliata la prenotazione tramite il link https://reservo.me/legsrl/ L’accesso all’area è consentito fino alle ore 21. La partecipazione è subordinata al rispetto delle regole adottate per la prevenzione della diffusione del COVID 19. In caso di pioggia la manifestazione si terrà al Teatro Solvay di Rosignano Solvay.

Info (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00) U.O. Servizi Culturali Tel. 0586 724502 – 724530. www.comune.rosignano.livorno.it. FB: Servizi Culturali Rosignano Marittimo.

Autore del Post

Simone Gasparoni

Classe 1995, studio Filosofia all'Università di Pisa. Allievo ortodosso di Socrate, ho sempre pensato che le parole siano roba troppo seria per abusarne (lo so, lo so, detta così sembra una scusa degna del miglior cerchiobottismo, per dirla in gergo giornalistico). Romantico per vocazione, misantropo per induzione. Attualmente, in via di riconciliazione con il genere umano attraverso la musica, l'arte, la cultura. Per ora, sembrano buone vie. Oltre che all'Unipi, potete trovarmi in giro in qualche locale o teatro a strimpellare la tastiera. O, con più probabilità, a casa mia. P.S. Ecco, l'ho già fatta troppo lunga...

Commenti