WiP Radio

Centenario Modigliani 2020: alle Terme del Corallo Livorno proietta il meglio di sé

Centenario Modigliani 2020: alle Terme del Corallo Livorno proietta il meglio di sé

Centenario Modigliani 2020: alle Terme del Corallo Livorno proietta il meglio di sé

24 gennaio 192024 gennaio 2020: oggi ricorre un secolo dalla scomparsa di Amedeo Modigliani (anche Google non manca di ricordarcelo, vedi qui), e Livorno cala l’asso per celebrarlo in grande stile. Oltre alla mostra in corso al Museo della Città (di cui vi ho già parlato qui), tra oggi, domani e domenica ci saranno una serie di eventi disseminati per tutta la città.

Videomapping sonoro alle Terme del Corallo

La proiezione

Il centro focale delle celebrazioni sarà l’ex stabilimento termale delle Acque della Salute. L’edificio principale delle Terme del Corallo – come sono conosciute dai più – diventerà una tela tridimensionale per un videomapping, uno spettacolo con video, luci e suoni che si articolerà in due fasi. La prima, che ripercorrerà la storia del complesso termale, rappresentandone le tappe della parabola discendente, la seconda, che vedrà prendere vita i maggiori capolavori pittorici e scultorei di Modigliani.

In questo senso, Livorno sembra voglia riconciliarsi con due momenti controversi e problematici del proprio passato. Da una parte, il destino cui è stato consegnato lo stabilimento termale, ancora oggi votato all’incuria e all’abbandono. Dall’altra, la memoria di Dedo, compromessa da un gesto goliardico che paradossalmente ha impedito per anni a Livorno di tributare a Modigliani il giusto riconoscimento.

Gli orari

Lo spettacolo, reso possibile dai volontari dell’associazione Reset Livorno e dai tecnici di IMMERSIVA (equipe livornese che si occupa di tecnologie visual), accenderà la struttura in stile liberty a partire dalle 20.45 – l’ora esatta della morte di Modigliani. Avrà una durata di 12 minuti e verrà ripetuto in loop, ogni mezz’ora, fino alle 23.45. L’evento avrà luogo anche domani, 25 gennaio, sempre dalle 20.45 alle 23.45, e domenica 26, dalle 17 alle 22.

Per l’occasione, dalle 20 all’1 di notte, il cavalcaferrovia su Via degli Acquedotti ed il tratto di Via Orosi – Piazza Dante prospicente le Terme del Corallo, saranno pedonalizzati. Diventeranno così palchi d’eccezione per assistere al video-show.

Stasera, 24 gennaio, (dalle 20.30) la prima proiezione sarà introdotta dall’attore livornese Andrea Gambuzza, con un intervento che rielaborerà alcuni frammenti di vita dell’artista.

Domani, spetterà invece a Michele Crestacci l’onere e l’onore di introdurre la serata, con un monologo dedicato alla pittrice e compagna di Modigliani, Jeanne Hébuterne. Il 25 gennaio è infatti la ricorrenza della sua tragica morte: incinta di otto mesi, Jeanne si lanciò da una finestra al quinto pianto, sconvolta dal lutto per la scomparsa dell’amato occorsa solo il giorno prima.

Lo spettacolo sarà ad offerta libera. I fondi raccolti saranno destinati al Comune per finanziare ulteriori lavori di recupero e valorizzazione delle ex terme.

Gli altri appuntamenti

Oltre all’illuminazione scenografica alle Terme del Corallo, l’omaggio a Modigliani coinvolgerà altri luoghi ed altre forme artistiche.

Oggi, 24 gennaio, alle 17, presso la sala conferenze della Biblioteca dei Bottini dell’Olio, verrà proiettato lo sceneggiato Rai “Modì, vita di Amedeo Modigliani”.

Al Teatro Goldoni, alle 21, sarà di scena Michele Crestacci con “Modigliani”, un lavoro teatrale che mira a ricostruire la memoria dell’artista, rappresentandone uno spaccato di vita.

Il Centro Artistico Il Grattacielo, alle 21.15, omaggerà invece Dedo con lo spettacolo “Modì, Paris, Follies! L’indecente Dedo”, proponendo agli spettatori un viaggio nel tempo e nello spazio, tra la Livorno e la Parigi della Belle Époque.

Aria di teatro anche alla Casa natale di Modigliani (Via Roma, 38), che dalle 20 alle 21.15 sarà il palcoscenico per “Le stanze di Amedeo”, un percorso teatrale (per la regia di Emanuele Barresi) che si snoderà proprio nei luoghi che hanno segnato la crescita di Amedeo.

Spazio anche alla cultura gastronomica. All’Ex-cinema Aurora (Viale Ippolito Nievo, 28), alle 20.30, si consumerà una cena a tema, a cavallo tra la tradizione labronica e quella francese.

Ben tornato a casa, Dedo.

Centenario Modigliani

Per (ri)leggere tutti gli articoli di “Non è buio ancora”, clicca qui.

Autore del Post

Simone Gasparoni

Classe 1995, studio Filosofia all'Università di Pisa. Allievo ortodosso di Socrate, ho sempre pensato che le parole siano roba troppo seria per abusarne (lo so, lo so, detta così sembra una scusa degna del miglior cerchiobottismo, per dirla in gergo giornalistico). Romantico per vocazione, misantropo per induzione. Attualmente, in via di riconciliazione con il genere umano attraverso la musica, l'arte, la cultura. Per ora, sembrano buone vie. Oltre che all'Unipi, potete trovarmi in giro in qualche locale o teatro a strimpellare la tastiera. O, con più probabilità, a casa mia. P.S. Ecco, l'ho già fatta troppo lunga...

Commenti