WiP Radio

Gli auguri di Pensieri Shakerati: alla ricerca della magia del Natale

Gli auguri di Pensieri Shakerati: alla ricerca della magia del Natale

Rincorrendo la magia del Natale

(per chi ama leggere con la musica consiglio di linkare subito  la colonna sonora a fine articolo, per chi fa una cosa alla volta tenetela come cioccolatino finale!).

Sopravvissuti all’8 dicembre?

Siamo sopravvissuti all’8 Dicembre.

Almeno io e chi di voi sta leggendo questo articolo, ad occhio e croce, dovrebbe essere vivo. Per chi non avesse seguito con assoluta fedelizzazione il mio blog sarò clemente, visto che è Natale, rimbalzandovi all’articolo precedente! https://www.wipradio.it/2017/12/03/il-natale-tra-noi-e-lui-psicocronaca-di-un-8-dicembre/

Sappiamo già chi ha vinto X Factor e, i più organizzati di  noi ,avranno anche già comprato almeno la metà dei regali ( tra i quali il mio libro che consiglio vivamente di regalare perché farete un figurone!)

magia

La magia del Natale: il regalo giusto. Fuori Piove, il romanzo di Serena Ricciardulli.

magia

La magia del Natale: i regali sbagliati

Vedremo prossimamente chi avrà avuto il coraggio di comprare un braccialetto Pandora alla moglie!

 

La magia del Natale: l’amante

Più o meno dovremmo essere in pieno periodo di cene di Natale: cene di Natale di lavoro, cene di Natale con gli amici, cene di Natale con i genitori di scuola, cene di Natale sportive, Cene di Natale della palestra e per i più audaci cene di Natale con gli amanti (categoria che in tal periodo non è tra le più fortunate, ammettiamolo!).

Tutto rigorosamente prima del pranzo di Natale in famiglia, tradizione irrinunciabile durante la quale non si può ricordare il capolavoro di Benvenuti: “Benvenuti in casa Gori”. Avete voglia di rivederne qualche scena? Questo è il mio personale regalo Natalizio per voi:

Aspettando capodanno

Stiamo preparando anche l’ultimo dell’anno, qualcuno di noi ha già prenotato ad agosto, altri non hanno ancora deciso cosa fare.

Ma tutti siamo certi che qualcosa inventeremo.

Imposibile non festeggiare l’ultimo dell’anno indossando mutande rosse e sognando il famoso bacio di mezzanotte e dichiarazione d’amore  corredata – una delle più mitiche è decisamente quella di “Harry ti presento Sally”, film imperdibile cult generazionale, chi non lo ha visto corra immediatamente ai ripari e apra il link:

 https://www.youtube.com/watch?v=yUhCd1oJ82I

Ma niente fa più Natale di Jerry Calà

I più sentimentali, cresciuti a pandoro e cinepanettone, si staranno invece preparando al Natale sulla neve rimpiangendo gli anni Ottanti, Jerry Calà e Cortina d’ Ampezzo. Aprite il link e sarà un tuffo nel passato ma, attenzione, vorrete partire immediatamente per “Vacanze di Natale”, fidatevi.

https://www.youtube.com/watch?v=88JszeMzuGc

Qualcuno si accontenterà invece di andarlo a sentire in Capannina solo per sentirlo cantare Maracaibo.

Arriveremo a Befana in un batter d’occhio con qualche chilo in più che riperderemo durante il lungo e triste Gennaio, quando nessuno più cenerà fuori e finalmente i ristoratori andranno in ferie e, forse, anche Jarry Calà proprio come ci racconta in questa scena:

https://www.youtube.com/watch?v=w_1Ivu81wMo

Tutto molto rassicurante ma la magia?

La magia di Babbo Natale

Tutto questo è molto rassicurante perché invariato. Tanto che il prossimo anno magari farò copia incolla di questo pezzo!
Ma il Natale è tutto qui? La magia è veramente perduta in questo iperaffaccendamento afinalistico che caratterizza il mese di dicembre? Come facciamo a ritrovare la magia? Beh, proviamo a fermarci e ricordare. Quando è cambiato tutto? Quando abbiamo smesso di emozionarci nella notte più incantata dell’anno? Se ci proverete magari ritroverete il vostro ultimo Magico Natale, l’ultima volta che avete creduto al lui: l’inarrivabile Babbo Natale. Ricordate?

E se ritrovassimo la magia ascoltando un bambino?

La cena di Natale

Subito dopo la cena della vigilia come sempre scartiamo i regali dei grandi.
A loro babbo Natale non porta più niente, perché sono grandi!
Io invece sono ancora piccolo e posso chiedere tutto quello che voglio, al massimo non me lo porta!
Mia mamma dice che Babbo Natale esiste se ci credi fortemente e smette di portarti regali quando non ci credi più.
Io ci credo!
Qualche mio compagno dice che non esiste.
Il mio amico non ci crede più, ma non se ne parla, è una questione privata.

Aspettando Babbo Natale

Stanotte preparerò il piattino a Babbo Natale come sempre: con i biscotti al pan di zenzero fatti da mamma, un mandarino, un bicchiere di vino e una mela per la renna.
Lui passerà dal camino, non so come, ma se io dormo lui arriverà.
Speriamo bene!

Ho apparecchiato.

Di Vino ne ho messo poco perché mio padre dice che Babbo Natale è un po’ briaone, beve da tutti e poi va a sbattere con le renne.
Qualche anno fa l’ho anche sentito arrivare sul tetto, ha fatto un gran rumore, forse è andato a sbattere veramente, ma sono stato fermo fermo, se si accorgeva che ero sveglio riportava via tutto.
Mia sorella dice che bisogna stare buoni e dormire fino al mattino.

Ho tutto pronto

L’albero è acceso e la casa è piena di luci, così ci trova meglio. Mi dispiace per il mio amico che non ci crede più, a lui Babbo Natale non porta più niente, sono i suoi genitori a dover comprare tutto. Chissà quanti soldi devono spendere!
Meglio crederci.

Babbo e mamma restano a guardare la tv, ma io e mia sorella andiamo a letto.
Finché anche loro non si addormenteranno lui non verrà, mica si fa vedere! Dai andate a letto anche voi!
Buona notte

magia

La mattina di Natale

Mamma e babbo si sono svegliati, li sento parlare, mia sorella dorme ancora, ma come fa? Io non vedo l’ora di vedere cosa mi ha portato.
Salto nel lettone dei miei e chiamiamo mia sorella dormigliona.
Poi piano piano, lenti lenti, quatti quatti, ci dirigiamo verso il camino.
Per prima va mamma, apre la porta del salotto lentamente, ha paura che lui sia sempre lì. Se ci vede si arrabbia.
Mamma fa capolino, poi richiude, ha sentito un rumore, il cuore mi batte forte. Piano piano apre la porta e entra in salotto. Dopo di lei io, poi mia sorella e per ultimo mio padre. Guardo il camino, ha mangiato tutto anche quest’anno! Meno male, gli è piaciuto quello che ho scelto, e ha pure finito il vino, il briaone.

Alla scoperta dei regali

Ma i regali? Dove sono? Tutti gli anni li lascia sparsi per la stanza! Devo cercare i miei…ecco ne ho visto uno… quanti saranno? Uno, due, tre iniziamo a scartare.

Buon Natale

Buon natale a tutti noi, grandi e piccoli, belli e brutti, buoni e cattivi ci rivediamo nel 2018!

Autore del Post

Serena Ricciardulli

Psicoterapeuta e scrittrice. Vive nella sua amatissima Castiglioncello. Nel 2017 esce il suo romanzo di esordio "Fuori Piove" (Bonfirraro Editore). Di lei hanno scritto La Repubblica, Il Tirreno, La Nazione, Nuova Antologia, definendo il suo romanzo un successo editoriale. Adesso inizia la sua esperienza come blogger di WiP Radio.

Commenti