WiP Radio

La biblioteca degli eBook | Lifestyle Factory

La biblioteca degli eBook | Lifestyle Factory

La biblioteca degli eBook

La scelta tra eBook e cartaceo è uno dei dilemmi umani degli ultimi anni. La conversione a digitale risulta ancora più difficile se l’interessato è amante del frusciare delle pagine sotto le dita, se adora il profumo della carta appena stampata come di quella vecchiotta un po’ inumidita dal tempo o ingiallita dalla polvere. Ecco, se sei un romantico della lettura il passaggio potrebbe creare qualche complicazione. Il lettore di eBook è comunque consigliabile a coloro che si trovano spesso in viaggio e hanno una gestione degli spazi più stringente, a volte basta avere un tablet con applicazione annessa e non c’è neppure bisogno di un device dedicato alla sola lettura. Una delle uniche ragioni per cui il cambio può essere sfavorevole è la risorsa bibliotecaria, prima di ogni altra cosa, gratuita. Bambini, anziani, adulti, ragazzi, tutti frequentano le biblioteche ed usufruiscono dei servizi offerti, difficile trovare qualcuno che non conosca il prestito bibliotecario e interbibliotecario. Eppure una delle novità apportate dalla Regione Toscana (e altre), come il prestito di eBook è praticamente sconosciuto. Male malissimo, perché per i possessori di tablet/Kindle/Kobo, è possibile scaricare GRATUITAMENTE gli eBook acquistati dalla biblioteca! Il servizio si chiama MLOL – MediaLibraryOnLine, ed è una biblioteca digitale multimediale che mette gratuitamente a disposizione degli utenti quotidiani e riviste, eBook, musica, banche dati, video e lezioni a distanza, insomma una vera e propria biblioteca senza muoversi da casa. Per poter scaricare il materiale l’utente deve richiedere i dati di accesso al sito presso la biblioteca alla quale è iscritto, accedere al sito e… BASTA! Pronti per scaricare! Questo tipo di prestito funziona esattamente come quello canonico, si possono scaricare massimo quattro eBook e il prestito dura per 14 giorni, dopo i quali è comunque possibile richiedere nuovamente il titolo; nel caso in cui il file scelto fosse già in prestito a un altro utente è possibile effettuare una prenotazione e voilà, arrivato il nostro turno abbiamo a disposizione un giorno di tempo per il download del nostro eBook! Vogliamo parlare di quotidiani? Ebbene il Sistema Bibliotecario Livornese mette a disposizione ogni giorno La Repubblica, Il Tirreno e Il Corriere della Sera, così se devi prendere il treno, sei in ritardo e non hai tempo di passare dall’edicola puoi scaricarti il giornale mentre sei in viaggio. Cotto e mangiato. Ma andiamo sul tecnico, quali licenze per eBook posso trovare? La licenza OPEN è libera da copyright a causa, per esempio, della scadenza stessa dei diritti d’autore, per questo l’opera diventa liberamente fruibile da chiunque navighi in internet: questo è il caso de La Divina Commedia. Dante non verrà certamente a reclamare i guadagni sulle ristampe. Questo tipo di licenza permette alle biblioteche di ottenere in modo gratuito eBook di grandi classici del passato, così se decidi di ripassarti un po’ di letteratura Italiana puoi farlo senza spendere un capitale. Le licenze legate alle opere più recenti sono quelle commerciali, quelle che le biblioteche acquistano da diversi editori e distributori. In questo caso il numero di eBook disponibili dipende dalle risorse finanziarie della biblioteca poiché, anche se irrisorio rispetto alla copia cartacea, il costo del digitale esiste eccome.

Ma in pratica, scaricato l’eBook, come posso leggerlo?

Ogni eBook è legato a un codice di protezione, il DRM Adobe o il Social DRM: nel primo caso occorre avere, o installare sul proprio dispositivo, un ID Adobe e il software Adobe Digital Editions, entrambi gratuiti, che permetteranno di scaricare e scegliere il formato adatto al device di lettura finale (.epub e .pdf). Scaricando il file dell’eBook si crea un file con estensione .acsm. che deve essere salvato e conservato per tutta la durata del prestito poiché può essere trasferito via posta, rete, chiavetta su altri dispositivi fino a un massimo di sei, autorizzati con lo stesso ID Adobe e forniti del programma di lettura Adobe. L’unica pecca è che i file protetti da DRM Adobe hanno una durata di 14 giorni, al termine dei quali l’eBook non è più visualizzabile sul dispositivo; questo non accade con protezione Social DRM che permette di mantenere le opere salvate senza bisogno di velocizzare la lettura per paura della scadenza incombente.

Insomma per chi dice che leggere costa non ci sono più scuse. Un consiglio: se siete in giro per l’Italia, magari in una grande città, e avete un po’ di tempo libero, correte a registrarvi nella biblioteca più vicina, potrete così avere sotto mano una scelta più vasta di titoli!

Per chi non lo sapesse l’iscrizione in biblioteca è GRATUITA!

Buona Lettura!

Servizi MLOL

Autore del Post

Fedra Guglielmi

Blogger di WiP Radio con la sua rubrica "Lifestyle Factory".

Commenti