“Le città dei murales”: Le fiabe di Sant’Angelo di Roccalvecce

“Le città dei murales”:  Le fiabe di Sant’Angelo di Roccalvecce

Continuiamo il nostro viaggio attraverso le località italiane che hanno scelto la street art come forma di comunicazione, come arte visiva con la quale far conoscere il proprio territorio o la propria storia.

Oggi andiamo nella provincia di Viterbo, precisamente a sant’Angelo di Roccalvecce.

Sul finire del 2016 Gianluca Chiovelli, un abitante del posto, fonda un’associazione e, insieme a un gruppo di artisti quasi esclusivamente al femminile, decide di ridare nuova vita al borgo in costante spopolamento, sull’orlo dell’abbandono. Inizia così un progetto artistico e di riqualificazione che, grazie ai suoi splendidi murales, ha reso Sant’Angelo “la città delle fiabe”.

Perché proprio di fiabe si tratta: i protagonisti sono infatti i personaggi delle storie della nostra infanzia, che ci accompagnano in un viaggio fra fantasia e arte.

 

Le fiabe di Sant'Angelo di Roccalvecce

A dare inizio a tutto è stata Alice nel Paese delle Meraviglie, che ci da il benvenuto nella piazza principale: l’orologio del Bianconiglio segna le ore 11 e 27, in ricordo del giorno della sua inaugurazione, il 27 novembre del 2017. E poi la Piccola Fiammiferaia, Hansel e Gretel, Peter Pan, I Musicanti di Brema, Il Piccolo Principe…sono 22 le opere da ammirare e altre sono in fase di realizzazione.

Lo scopo dell’associazione, che vive grazie alla disponibilità di volontari, dei cittadini, e che si autofinanzia, è anche quello di “rigenerare”: rendere migliore il borgo attraverso il restauro nel pieno rispetto del paesaggio e delle tradizioni, senza la costruzione di nessuna nuova struttura. La regola è: migliorare a impatto zero.

Oltre ad una passeggiata per le vie di Sant’Angelo, dal borgo del viterbese partono interessanti itinerari che lo collegano ai paesi limitrofi, come ad esempio il nuovo sentiero CAI n°166 “Sentiero dei Castelli delle Fiabe” che unisce Sant’Angelo, Roccalvecce e Celleno.

 

 

 

 

 

Laura Lippi

Laura Lippi

Fiorentina di nascita, randagia per natura, viaggia low cost in solitaria dall’età di 4 anni quando, con un peluche come unico bagaglio, ha sconfinato nel cortile dei vicini “per vedere cosa c’è più in là”. E non ha mai smesso.

Articoli Correlati

Commenti

Potrebbe Interessarti x