Resilienza, resilienti non si nasce ma si diventa

Resilienza, resilienti non si nasce ma si diventa

Resilienza, resilienti non si nasce ma si diventa

“Il termine psicologico resilienza è diventato molto comune, frequentemente presente in ogni luogo, social e tavolini da bar. Inizialmente veniva utilizzato come sinonimo di forza e si è pensato fosse una caratteristica innata di alcune persone. Resilienti non si nasce ma si diventa tramite un processo dinamico, facendo tesoro del proprio dolore e della propria sofferenza. Resiliente non è chi non soffre, chi nega ciò che prova ma colui che impara dalle avversità della vita, anche perché la sofferenza è parte integrante dei processi di crescita: dalla sofferenza impariamo, nella sofferenza ci forgiamo e, nella necessità del cambiamento, evolviamo”.
Tutti possiamo diventare resilienti, per saperne di più vi auguro buon ascolto.

Illustrazione di Henn Kim

Sara Lolli

Sara Lolli

Lolli Sara è nata in un paesino salentino. È una psicologa e frequenta la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica a Chieti. Le piace tutto ciò che è bello e buono, ha una mente aperta e dinamica, le piacciono i sorrisi delle persone e gli occhi di chi ha bisogno di sorridere, le piace la musica che fa “viaggiare” e scoprire sempre posti nuovi, le piace mescolarsi tra la gente e aiutare chi scommette sull’umanità… Questa esperienza a WiP Radio è nata nel 2014 come una scommessa con se stessa e con alcuni dei suoi limiti. “Dinamicamente” è il nome del suo programma, nel quale vengono affrontati temi riguardanti la “psicologia del quotidiano” per menti dinamiche e in movimento.

Articoli Correlati

Commenti

Potrebbe Interessarti x