ON AIR


Buon Natale Ferruccio Parri!

Buon Natale Ferruccio Parri!

NON ESCLUDO IL RITORNO

Sarò un sognatore, ma per me se uno non mineralizza in dieci anni allora devi dargli una seconda possibilità. In pratica torna in vita e ricomincia con l’età media dei pensionati locali, una sorta di rientro in stile Scala 40. In America se si scopre che sei stato condannato per un omicidio non commesso, a quel punto puoi uccidere senza pagarne le conseguenze: il discorso è praticamente lo stesso. Senz’altro un problema è l’invecchiamento della salma: va bene che non mineralizzi ma la disidratazione c’è e gli organi non funzionano più bene. Quelli guasti li si sostituisce prelevandoli dai carcerati. Gli assistenti sociali non vogliono: pazienza, la crisi c’è per tutti e devono adeguarsi anche loro. Per farli stare buoni organizziamo una commemorazione dei partigiani con i canti di montagna (alpini non invitati). Vicenda correlata: il certificato di morte. Quando scade (ha valenza decennale), in caso di mancato rinnovo al costo di euro 39 più marca da bollo da un milione, il parente defunto risorge e viene a citofonare a mezzogiorno e mezza del primo Natale disponibile. E’ normale che in famiglia si crea un po’ di imbarazzo, uno non sa comportarsi e sicuramente a polemizzare si passa per dei gran maleducati. Quindi meglio fare finta di niente e mangiare insieme tranquilli. Pazienza se il redivivo ogni tanto perde due squame o gli cede la mandibola. Non ha mica colpa lui.

 

SIP

Oggi sono 25 anni esatti che ho chiamato a Solletico per giocare a Zorro. Prende la chiamata in diretta Mauro Serio e se ne esce con una delle sue solite provocazioni: “Allora Niccolò, a chi hai dedicato la ‘pomeridiana’ oggi, eh?”. Io ci resto male e penso subito che gli abbiano passato certe informazioni i servizi segreti, del resto un dossier su di me ce l’hanno. Comunque per educazione rispondo: “Enena Ciofia Licci”. Al che Mauro ci rimane quasi male perché non si aspettava tanta franchezza. Addirittura butta giù di colpo e dà la linea a un altro bimbo. Se è per fare queste scene allora non stare nemmeno a chiedere, bastardo.

 

MOVIE CLUSTER

Nel piccolo paese di Ponzano la popolazione anziana è il 92%. Il resto sono quasi tutte persone detenute. Il sindaco è l’onorevole Paolo Guzzanti. Tra i motivi che siamo famosi c’è che qui hanno girato diversi film, il più recente Alien 3. Del resto siamo un set naturale, abbiamo tutto: il bar, alcune colline, stop. Qua in generale si sta bene, la qualità della vita è altissima (la migliore in Italia dopo Bormio che però ha le terme). Unico problema, i manifesti funebri: i nostri numerosi anziani ne sono molto curiosi e ogni giorno ne vogliono leggere minimo quattro freschi freschi (pro capite!). Come soluzione tampone l’amministrazione comunale ha cominciato ad affiggere necrologi fittizi inventandosi nomi, età, squadra preferita, insomma tutte quelle cose che vanno nei poster del lutto. Siccome questi lavori li fanno fare alle categorie protette, che è gente poco motivata, è facile che si incappi nell’errore. E infatti l’altro giorno hanno messo fuori un manifesto mortuario per Rossi Mauro, senza impegnarsi a trovare un nome più originale. Morale: noi nel territorio comunale ne abbiamo tre con quel nome lì e tutti hanno denunciato l’ente. Come sempre pagherà il primo cittadino di tasca sua. I dipendenti infatti non puoi toccarli per via dei sindacati. Sindacati peggior male dell’Italia. Tranne ovviamente gli amici dell’Orsa.

 

CULTURA, IL ‘PETROLIO’ DELL’ITALIA

Come ‘Luogo del cuore’ FAI – Fondo Ambiente Italiano in famiglia sosteniamo compatti il cimitero di Caniparola (Ms). Esso è straordinario in quanto dotato di: doppia fontanella idrica, annaffiatoi a gettone con lucchetto, maestose cappelle private, fossa comune per immigrati, ossario a vista, collezione di teschi di frati cappuccini, teca con reliquie San Venceslao (sei femori). Non abbiamo da invidiare niente a nessuno e anzi vantiamo una posizione strategica a cavallo tra Toscana, Liguria e altre regioni che ora non ricordo. Facciamo anche gli stage per i bambini delle medie: qua da noi imparano molte cose e giocano felici tra le tettoie di amianto. Il custode dell’intero complesso è un bimbo nomade di 9 anni. Per la sua età è molto maturo e competente. Il parroco di qui gli ha anche insegnato a sparare.

Niccolò Re

Niccolò Re è nato a Sarzana nel 1986.

Articoli Correlati

Commenti