WiP Radio

Come mai è così difficile chiedere aiuto

Come mai è così difficile chiedere aiuto

Come mai è così difficile chiedere aiuto

In una società come la nostra, dove bisogna essere sempre forti, capaci e spettacolari chiedere aiuto non è un’operazione semplice. È un processo che si costruisce in tempi anche molto lunghi, in cui la persona cerca risposte e soluzioni proprie e possibili alternative ai problemi che vive. Vorrebbe non avere problemi o trovare da solo possibili soluzioni.
Infatti chiedere aiuto è già un primo punto di arrivo di un lavoro interno. Si potrebbe provare frustrazione, rabbia, senso di sconfitta e di disistima personale, la percezione di scarsa autoefficacia nella risoluzione dei propri problemi, la vergogna nel portare contenuti molto intimi ad un estraneo. Citando Marsya Gino: “La cosa che soprattutto disturba alcune persone è che un altro possa capire delle cose che loro ancora non sanno, non tollerano che qualcuno sappia qualcosa che lui non sa ancora”…. Per saperne di più vi auguro buon ascolto.

Illustrazione di Henn Kim

 

Autore del Post

Sara Lolli

Lolli Sara è nata in un paesino salentino. È una psicologa e frequenta la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica a Chieti. Le piace tutto ciò che è bello e buono, ha una mente aperta e dinamica, le piacciono i sorrisi delle persone e gli occhi di chi ha bisogno di sorridere, le piace la musica che fa “viaggiare” e scoprire sempre posti nuovi, le piace mescolarsi tra la gente e aiutare chi scommette sull’umanità… Questa esperienza a WiP Radio è nata nel 2014 come una scommessa con se stessa e con alcuni dei suoi limiti. “Dinamicamente” è il nome del suo programma, nel quale vengono affrontati temi riguardanti la “psicologia del quotidiano” per menti dinamiche e in movimento.

Commenti