WiP Radio

Boyan Slat: da un’idea, all’incredibile!

Boyan Slat: da un’idea, all’incredibile!

I nostri oceani sono in grosso pericolo ed insieme a loro anche la nostra stessa vita lo è.

Probabilmente non siamo (ancora) in grado di percepire davvero quello che sta accadendo intorno a noi… siamo troppo concentrati su noi stessi, abbiamo gli occhi e le orecchie tappate dai nostri, così li chiamiamo, “problemi”.
Lentamente abbiamo sommerso il nostro bellissimo pianeta da milioni di tonnellate di plastica, chili e chili di immondizia che ogni anno entra nei mari e nei fiumi e va a compromettere i nostri ecosistemi e così anche la nostra salute.

Ognuno però nel suo piccolo può fare qualcosa per migliorare questa situazione critica; c’è però chi le cose ha deciso di farle decisamente in grande! Passiamo al suo identikit:

-nome: Boyan Slat
-età: 25 anni
-professione: ricercatore

Boyan è un ragazzo olandese e come tutti i ragazzi frequenta il liceo e si iscrive all’università. A differenza di tanti però Boyan si accorse che quello che stava facendo non era abbastanza e soprattutto non c’era più tempo da perdere! Decise così di abbandonare gli studi in ingegneria aerospaziale per dedicare anima e corpo alla sua idea: ripulire gli oceani dalla plastica.

Già ai tempi del Liceo, questo ragazzo prodigio, aveva realizzato un progetto dove ideava un metodo per costruire un sistema di pulizia passiva delle acque sfruttando la circolazione delle correnti oceaniche a suo vantaggio: una sorta di grosso serpente di gomma da ancorare al fondale marino, in grado di trattenere lungo il suo corso i rifiuti di plastica galleggianti e di consentirne una facile raccolta.

Nel 2012 presentò il suo di fatto semplice ed al tempo stesso geniale progetto ad un’importante conferenza statunitense e da lì la sua popolarità crebbe a dismisura.

Nel 2013, a soli 19 anni, Boyan riesce a realizzare concretamente una piccola parte del suo sogno e fonda un’organizzazione dal nome “The Ocean Cleanup“, nella nostra lingua: La Pulizia dell’Oceano.
La fondazione, composta da un team di ingegneri ed altri esperti in continua crescita, mira a sviluppare tecnologie per l’estrazione dell’inquinamento marino e prevenire la frammentazione delle microplastiche.

The Ocen Cleanup sta cercando di fare l’impossibile: ripulite il 50% dei rifiuti della grande isola di plastica nel Pacifico, ogni 5 anni, al minimo costo!
Un’impresa alquanto ambiziosa ma in tanti stanno credendo che questo progetto possa diventare possibile, tanto che la fondazione è riuscita ad ottenere cospicue donazioni da celebri investitori.

Inizialmente tutto questo sembrava surreale anche per Boyan eppure il suo vedere in grande gli sta portando enormi soddisfazioni… e non non possiamo che essergli grati!

Incredibile come un’intuizione di un ragazzo poco più grande di me si sia trasformata in questa incredibile realtà. Mi fa venire i brividi, mi fa venire voglia di fare di più, di fare la differenza!

E voi? Siete con Boyan oppure no? Vi consiglio di seguire subito il suo profilo per non perdervi neanche un’avventura!

Autore del Post

Paola Palazzetti

Paola nasce a Lucca nel 1995. È un'inguaribile romantica, una chiacchierona ed una persona molto solare. Per lei la famiglia, gli amici ed i suoi animali sono la cosa più importante. Adora le serie tv, la musica ed il cinema ma soprattutto è una fashion e beauty addicted. Difetti? È una ritardataria cronica.

Commenti