ON AIR


Er diversamente abbile

Er diversamente abbile

Monologo perduto di Franco Califano

Sto per strada pensando all’affari mia
e me sento di’ coll’occhi: “Signore, che m’aiuta?”
te scruto, fija mia
‘n carrozzella, tutta storta e sordomuta
Voi entra’ dentro ‘r negozio?
Farò lo sforzo, però, che strazio
Toccarte me fa senso, mica so’ portantino
te faccio solo sorpassa’ er gradino
ma poi,
è chiaro,
se salutamo.
Ma come entramo er titolare subito me disce
“Che me porta qui ‘sta menomata? Me spaventa a’ clientela
‘a porti via, ‘sta disgraziata”.
E io che ‘n minuto prima a ‘sta poraccia
nun me ‘nteressavo più de tanto
m’encazzo e ie dico dritt’ in faccia
“Aò, faje vede’ e scarpe, nun fa’ o stronzo”
E mentre er negoziante spaventato
je fa prova’ ‘r mejo der mercato
io che nun so geometra, ma manco fesso
non ti ribbutto l’occhi sulla porta e sull’ingresso?
Nun me torna, nun va bene
ce vo’ ‘no scivolo, ‘na ringhiera fatta bene
l’accorgimento gentile calzolaro è inevitabbile
per consenti’ l’accesso ar diversamente abbile
Aò so’ architettoniche stebbariere
nun stamoce a racconta’ stronzate
le norme so’ chiare
hanno da esse rispettate!
E se nun ricordo male
ce stava er bando der Comune
pensato per aggevolare
chi doveva usci’ dar malcostume
“Quest’ingresso non è a norma”, dico ar titolare
“Tutto sbajato, tutto irregolare.
dovemo chiama’ e guardie? A Muniscipale?”
Lui se fa’ piccolo così, ora se vergogna
me fa un pacchetto coi mocassini, le ballerine, gli scarponi da montagna
“Tutto regalato, tornate quando volete”, ci assicura.
Ma quando mai, solo a entrà
per sta ragazza
c’è da ave’ paura.
Se n’annamo sbattento la porta
Lei è felice anche se pare mezza morta
È lì che sbava sopra li pacchetti
che carina, me fa’ gli occhietti
la carezzo ‘n testa co ‘na mano
quasi me pare n’essere umano.

Niccolò Re

Niccolò Re è nato a Sarzana nel 1986.

Articoli Correlati

Commenti