WiP Radio

Perché non riesco a piangere, distanziamento emotivo

Perché non riesco a piangere, distanziamento emotivo

Perché non riesco a piangere, distanziamento emotivo

“Rientra nei quadri di distanziamento emotivo l’importanza di normalizzare gli eventi spiacevoli sminuendoli. Capita di trovarsi in situazioni traumatiche con soggetti che riescono più a ridere che a piangere. Ridere permette di sdrammatizzare; piangere è un comportamento importante nell’uomo. Non tutti ne sono in grado.
Si investono molte energie per evitare l’esperienza del dolore che viene negato e nascosto in un angolo della nostra mente, a volte addirittura appare solo come noia, distacco dagli altri o stanchezza fisica. Infatti, non di rado questi individui riferiscono di non stare male ma di sentirsi solo più stanchi del solito….”

 

illustration by Henn Kim

 

Autore del Post

Sara Lolli

Lolli Sara è nata in un paesino salentino 29 anni fa. È una psicologa e frequenta la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica a Chieti. Le piace tutto ciò che è bello e buono, ha una mente aperta e dinamica, le piacciono i sorrisi delle persone e gli occhi di chi ha bisogno di sorridere, le piace la musica che fa “viaggiare” e scoprire sempre posti nuovi, le piace mescolarsi tra la gente e aiutare chi scommette sull’umanità… Questa esperienza a WiP Radio è nata 3 anni fa come una scommessa con se stessa e con alcuni dei suoi limiti. “Dinamicamente” è il nome del suo programma, nel quale vengono affrontati temi riguardanti la “psicologia del quotidiano” per menti dinamiche e in movimento.

Commenti