WiP Radio

Viaggiare organizzati: come preparare il proprio bagaglio

Viaggiare organizzati: come preparare il proprio bagaglio

Viaggiare organizzati: come preparare il proprio bagaglio

Buongiorno cari lettori di WiP!

Questa settimana volevo rendervi partecipi della mia recente incombenza: preparare la valigia.
Ebbene sì, dopo il mio ultimo viaggio intercontinentale nell’America del sud, questa volta approderò dalla parte opposta, in Thailandia.
Diciamo pure che non era una delle mete che intendevo raggiungere a breve però una serie di coincidenze mi hanno fatto capitolare.
Intorno al mese di Dicembre ho trovato un volo con super offerta sul sito della Qatar con scalo a Bangkok per questo fine settimana!
La partenza è imminente e fra tutte le altre cose che ancora devo programmare, sicuramente la valigia è uno dei miei pensieri più importanti.
Ho sempre paura di scordarmi qualcosa. In più viaggiando da sola devo stare due volte più attenta. A tal proposito vi ricordo che ho scritto un’articolo di quanto possa essere interessante viaggiare da soli in occasione del mio ultimo viaggio!
Per prima cosa dobbiamo ricordarci di sistemare i documenti.
È sempre buona usanza fare copie cartacee e copie digitali da poter salvare in qualche drive. In questo modo potrete accedervi da qualsiasi piattaforma con accesso internet.
Inoltre ricordiamoci di memorizzare numeri di emergenza per bloccare le carte di credito (in caso di smarrimento o furto) o il codice imei per quanto riguarda il cellulare.
Per quanto riguarda il bagaglio è bene lasciare un’etichetta con i propri dati personali (nome cognome indirizzo di residenza e numero di telefono) sia all’esterno del bagaglio che all’interno.
Queste accortezze vi torneranno molto utili nella disgraziata ipotesi che il vostro bagaglio venga smarrito o rubato. Meglio prevenire quanto si può!
Altra buona usanza è tenere i contanti divisi dalle carte di credito o bancomat.
Fin da quando ero piccola e viaggiavo con i miei genitori, avevo anche l’outfit da viaggiatrice. Magliette con apposite tasche interne quasi invisibili per poterci “nascondere” documenti o soldi.
Ma ora passiamo alla parte che riguarda la preparazione degli effetti personali.

Preparare lo zaino anziché il trolley

A differenza dello scorsa avventura dove viaggiavo con due trolley, a questo giro ho preferito uno zaino da trekking con 70l di portata.
E’ consigliabile di mettere le cose più leggere in basso e quelle più pesanti in alto. Una volta in spalla vi sembrerà più leggero e caricherà la schiena in modo più equilibrato. Ricordatevi di lasciare a portata di mano , di solito nella parte più alta dello zaino, le cose che utilizzeremo di più. I vestiti sporchi sono perfetti per ‘riempire’ il fondo dello zaino. Se dovete ancora comprarlo, ricordatevi che molte compagnie aeree impongono forti restrizioni sulle dimensioni dei bagagli, anche per gli zaini, spesso più ingombranti delle valigie. Controllate le misure.

Vestiti: solo il necessario

Per noi donne è praticamente un tabù. Qualcosa che non vorremmo mai sentirci dire. Tuttavia è veramente importante cercare di viaggiare con lo stretto necessario. Quindi cerchiamo di capire e prevedere quanto più possibile di cosa avremo bisogno nei giorni della nostra vacanza. Sapere se potremo usare più o meno una lavanderia a gettoni, aiuterebbe a gestire il numero degli indumenti da portare

Quando dovete prendere l’aereo, soprattutto se avete un paio di scali, dividere i vestiti tra diverse valigie, zaini, borse ecc. Se uno dei bagagli per caso non dovesse arrivare a destinazione, avrete ancora vestiti puliti a disposizione. Le compagnie aeree in genere non rimborsano i bagagli smarriti entro le prime 24-48 ore, quindi questo consiglio potrebbe anche farvi risparmiare i soldi che avreste speso in ‘vestiti d’emergenza’.

Involtini di vestiti

A quanto pare il vostro bagaglio guadagnerà più spazio se arrotolate i vestiti invece di piegarli.
Tempo fa ho visto un video su YouTube che spiegava in maniera molto esaustiva come organizzare il proprio bagaglio e ottimizzare tutti gli spazi. Mi sono trovata molto bene con questo video  per quanto riguarda la valigia mentre con questo per quanto riguarda lo zaino.

Viaggiare organizzati: come preparare il proprio bagaglio
Per adesso è tutto e penso sia arrivato il momento di fare il mio zaino!
Ci aggiorniamo alla prossima settimana con la prima parte del diario del mio viaggio!

Autore del Post

Sabina Matteucci

Sabina, classe 1985, è appassionata di tutto ciò che è arte: musica, disegni, fotografia, creazioni con ogni genere di materiali. Inoltre ama il mare, gli animali, le lunghe passeggiate nel bosco e trascorrere tempo con gli amici.

Commenti