WiP Radio

Lo Stile unico di Big T

Lo Stile unico di Big T

Lo Stile unico di Big T

Jack Teagarden Trombone 1905-1964

Big T, uno dei pochi ad aver catturato la mia curiosità per un lato del suo carattere atipico da trovare in un musicista: la pacatezza.

La tranquillità, quella vera, la calma che afferra a lazzo lo spettatore più irrequieto e lo conduce nel profondo Sud del Texas.

Un trombonista perfettamente in equilibrio con il corpo e la mente, seduto sulle linee melodiche a tal punto da trasportare il passato nel futuro, capace di condividere il palco jammando con compagni del calibro di Luis Armstrong e Coleman Hawkins, senza tempo né luogo.

 

Il blues innato in questo grande personaggio, le sue influenze gospel, lo fecero accogliere dai musicisti neri senza esitazioni e si prese da subito il posto d’onore appena giunto a New York nel 1927.

 

Dopo un concerto al New York Town Hall il 17 maggio 1947, che vide la collaborazione tra Satchmo e Jack, Joe Glaser sciolse la band di Pops e creò un nuovo gruppo di sei membri formato da Armstrong, Teagarden (inizialmente), Earl Hines e altri famosi musicisti.

Il nuovo gruppo venne annunciato all’apertura del Billy Berg’s Supper Club. Questo gruppo venne chiamato All Stars’ e includeva Earl “Fatha” Hines, Barney Bigard, Edmond Hall e Jack Teagarden,Trummy Young, Arvell Shaw, Billy Kyle, Marty Napoleon, Big Sid Catlett, Cozy Cole, Tyree Glenn, Barrett Deems e il percussionista filippino Danny Barcelona.

Molte compilation portano la sua firma di Jack Teagarden: come Making Friends e Jack Hits the Road, affiancate alla sua presenza fissa al fianco di Satchmo, nei suoi All-Star.

L’amicizia tra Satchmo e Big T è stata magia, amore, rispetto e musica.

 

 

 

 

Autore del Post

Martina Salsedo

Musicista e cantautrice, da oltre vent'anni nel mondo e nella musica Blues Rock con i suoi Black Tunes. Martina è stata direttrice di Livorno TV e adesso di Officina di Arte e Musica e Livorno Porto Musicale, dove si occupa di dare spazio a chi ha talento ma non possibilità di espressione e crescita nel propio paese.

Commenti