WiP Radio

On-line si vende o no?

On-line si vende o no?

Almeno una volta al giorno amici e conoscenti dell’ultim’ora si avvicinano e mi chiedono: è vero che con Facebook e Instagram si vende on-line?

Sorrido e rispondo: dipende da te, non dallo strumento!

Qui scatta la faccia stupita. Dipende da me?
Se apro una pagina Facebook o un sito di e-commerce
il gioco è fatto!

Se dietro non c’è un’idea imprenditoriale e una strategia on-line non vendi proprio niente.

Non penseresti mai ad aprire un negozio alzando la saracinesca tutte le mattine e aspettando che qualcuno entri, giusto?

Ecco, funziona così anche on-line!

In questa seconda puntata ti voglio dare qualche indicazione in modo che tu abbia chiaro che vendere on line non è uno scherzo ma un lavoro.

#1: imposta una strategia commerciale

Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l’azione di vendita viene sviluppata in modo dispersivo, senza continuità e con grande spreco di risorse.

#2: adotta un metodo di lavoro

Un metodo condiviso e attuato con sistematicità da tutti i componenti dell’organizzazione commerciale on line. Se ti affidi a collaboratori esterni che si occupano di pubblicizzare il tuo prodotto, coordinali tu.
Non lasciarli mai soli! Questo non vuol dire che i freelance che ti gestiscono i social e/o chi si occupano del tuo sito e del tuo posizionamento non sono in grado di fare il loro lavoro. Ricordati però che sono tecnici. La strategia commerciale è il tuo patrimonio.

#3: analizza la concorrenza

Guarda come si comporta la concorrenza di riferimento e fai una lista dei punti di forza e di debolezza delle imprese con le quali dovrai misurarti.

#4: datti degli obiettivi da raggiungere in tempi certi

Se sei un pò in difficoltà perché sei alle prime armi fai così: calcola quanti pezzi devi vendere per recuperare le spese di investimento entro 6 mesi. In questo modo hai 6 mesi di tempo e hai una somma di fatturato che ti fa capire dove stai andando.

#5: crea dei punti di controllo costanti

Metti a calendario i controlli necessari per verificare il raggiungimento degli obiettivi poi stabilisci correzioni. Coinvolgi tutti. Freelance, organizzazione aziendale, dipendenti.
Se tutti sanno dove devono arrivare  è più facile farli remare nella stessa direzione e creare un team di lavoro affiatato e di successo.

Autore del Post

Deborah Ghisolfi

Growth Hacker | Agile Manager | Digital Strategist | Business Coach | On line Marketing. Amo la tecnologia che considero una forma d'arte perché mi sento come un pittore quando disegno soluzioni.Sono una persona creativa, votata per natura al problem solving e alle relazioni. È impossibile zittirmi quando parlo di customer experience, content marketing, marketing automation ed email marketing.

Commenti