WiP Radio

Piercing, tatoo, abbigliamento: dimmi cosa indossi e ti dirò chi sei. La psicologia dell’abbigliamento

Piercing, tatoo, abbigliamento: dimmi cosa indossi e ti dirò chi sei. La psicologia dell’abbigliamento

 

Psicologia dell’abbigliamento di Flugel

Giacca e cravatta sono la tenuta ideale per un furto? I calciatori in maglia nera sono ammoniti più spesso? Ad un colloquio di lavoro meglio indossare abiti chiari o scuri? Esiste una psicologia dell’abbigliamento per cui ogni indumento, ogni dettaglio è capace di modulare il comportamento delle persone che ci circondano attraverso codici impliciti che spesso veicolano stereotipi. Ecco che cosa raccontano i vestiti su noi stessi e sui pregiudizi di chi ci guarda.

Autore del Post

Sara Lolli

Lolli Sara è nata in un paesino salentino 29 anni fa. È una psicologa e frequenta la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica a Chieti. Le piace tutto ciò che è bello e buono, ha una mente aperta e dinamica, le piacciono i sorrisi delle persone e gli occhi di chi ha bisogno di sorridere, le piace la musica che fa “viaggiare” e scoprire sempre posti nuovi, le piace mescolarsi tra la gente e aiutare chi scommette sull’umanità… Questa esperienza a WiP Radio è nata 3 anni fa come una scommessa con se stessa e con alcuni dei suoi limiti. “Dinamicamente” è il nome del suo programma, nel quale vengono affrontati temi riguardanti la “psicologia del quotidiano” per menti dinamiche e in movimento.

Commenti